Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Treviglio: Il sistema 0-6 nella quotidianita’ del lavoro nei servizi educativi – informazioni

 

 

a cura della Dottoressa Paola Toni

Il sistema 0-6 nella quotidianita’ del lavoro nei servizi educativi

5 incontri di 4 ore dalle ore 9.00 alle ore 13.00 –  sabato mattina
20 gennaio, 24 febbraio, 23 marzo, 20 aprile, 25 maggio 2024

Sede
Gli incontri dalle 9 alle 13 di sabato mattina  20 gennaio 2024 . 23 marzo 2024 . 20 aprile 2024 . 25 maggio 2024 si svolgeranno c/o lo Spazio UHB (vicino TNT Teatro) Piazza Garibaldi a Treviglio
l’incontro del il 24/02/2024 c/o la Scuola secondaria di primo grado “Grossi via Senatore Colleoni, 2 – Treviglio

 

Programma della formazione

Il glossario, nel primo anno inizierà a formarsi, uno strumento che alla fine del secondo anno sarà completato e che diventerà a sua volta uno strumento di formazione. Un circuito virtuoso che verrà messo in atto. La redazione del glossario ha una valenza pedagogica fondamentale per far sì che le linee pedagogiche 0-6, così ben declinate dalla normativa in atto, diventino patrimonio comune e concreto su cui lavorare: i tanti significati da confrontare, da condividere e da valorizzarne le differenze crea una rinnovata cultura d’infanzia.

Tutto questo concorrerà alla realizzazione di una coerenza educativa così utile per il benessere dei bambini, delle loro famiglie e del gruppo di lavoro che sapranno proporsi e muovere all’interno di un sistema che hanno proposto, condiviso, comunicato e portato avanti nella quotidianità.

Il programma, essendo una formazione in itinere, potrà essere soggetto a modifiche.

1° incontro: Ripresa del lavoro svolto nel primo anno
— Rivisitazione e comparazione di progettazionipedagogiche
— Rilettura e riflessione del primo elenco delle parole che enunciano pratiche nei diversi significati, delle frasi e degli esempi che vengono pronunciate, sulle possibili immagini che potranno accompagnare e renderle più comprensibili. Continuo confronto in aula

2° incontro: Tecniche di Project Management: come realizzare il progetto
— Acquisizione delle abilità necessarie: risolvere problemi, prendere decisioni, saper comunicare
— Le caratteristiche necessarie per gestire il progetto con il gruppo di lavoro
— I punti di forza e gli ostacoli: individuare le priorità e saper analizzare il contesto
— Rilettura della prima parte delle definizioni

3° incontro: Come comunicare il progetto Glossario 0-6
— Ridefinizione di alcune tecniche di scrittura
— Stesura delle definizioni e completamento della rilettura
— Raccolta delle immagini che potrebbero rendere più chiaro e fruibile il glossario

4° incontro. Le immagini parlano: riepilogo delle tecniche sulle immagini e le fotografie
— Stesura delle definizioni in accompagnamento alle immagini, con particolare attenzione alle frasi e agli esempi che verranno proposti
— Prima composizione di una bibliografia

5° incontro: Prima bozza da leggere, rileggere e condividere anche con le coordinatrici
— Impostazione di un piano di comunicazione con le famiglie
— Il valore del territorio nella gestione dei servizi educativi
— Prima bozza, da sottoporre all’Amministrazione, per individuare nella rete territoriale quali interlocutori coinvolgere e che saranno oggetto della comunicazione soggetto a modifiche
— Avvio di un progetto di realizzazione di un glossario condiviso da pubblicare come elemento di condivisione.

 

Obiettivi

Tutto il personale, insieme al coordinatore/trice quindi ha un compito arduo ma sfidante le cui priorità saranno quelle di
— individuare, condividere e rendere concreto nelle attività quotidiane un sistema di relazione inclusivo e partecipativo, dove l’assioma base sarà la sospensione del giudizio e l’accoglienza dei modelli culturali delle famiglie e delle loro diverse aspettative;
— aumentare la consapevolezza dell’importanza delle continuità educativa e della valorizzazione delle specifiche differenze;
— comunicare la progettualità educativa per far percepire il valore per la crescita dei loro bambini/e la qualità dei servizi per rendere visibile l’importanza della diffusione della cultura d’infanzia che, dove è espressa, genera benessere per tutti;
— far capire che il sistema integrato 0-6 anni così come proposto nelle Linee pedagogiche emanate dal Miur, offre opportunità di crescita non solo ai bambini, ma propone e sostiene sinergie a livello territoriale.

Molte le problematicità e le differenze tra educatrici 0-3 e insegnanti 3-6 anche nel significato attributo alle attività e alle routine nelle progettazioni pedagogiche.
Per questo motivo si propone e di indirizza la formazione in una profonda riflessione sulle pratiche e sulle parole con cui vengono enunciate per realizzare un glossario da condividere e da diffondere.

La proposta ha quindi caratteristiche di formazione on the job: un apprendimento esperienziale che, nel confronto continuo sulle pratiche e sui significati, implementa il proprio senso del ruolo, il valore fondamentale della coesione nel gruppo, la messa in luce delle diverse impostazioni e delle diverse accezioni in un quadro 0-6 ricco e in continua evoluzione.

Il glossario, che verrà diffuso tra educatori e insegnanti, implementerà la comunicazione interna, ma è anche uno strumento di promozione della cultura d’infanzia: uno sguardo ampio sui servizi educativi 0-6 da promuovere e da divulgare su tutto il territorio provinciale e non solo.

Metodologia

Metodologia interattiva, confronto continuo nei sottogruppi che verranno formati. Una formazione on the job che ha come obiettivo la realizzazione di un documento che deve raccogliere il pensiero, l’idealità, i valori di tutti i partecipanti della formazione.
Nella prima parte dell’incontro (la più breve), verranno somministrate alcune tecniche di scrittura, sull’uso dell’immagine e di costruzione dei progetti che saranno poi utilizzate nel lavoro dei sottogruppi.

Lascia un commento