Login
Registrati
[aps-social id="1"]
Teramo: Il diritto alla natura dei bambini – Settembre 2022

L’obiettivo è quello di rinforzare competenze di insegnamento e pratiche educative e didattiche che permettano ai bambini

Alessandro Antonietti argomenta sui modi in cui lo studio della musica è utile allo sviluppo della mente: nel potenziare la memoria di lavoro, nel fornire un riscontro immediato nell’ascolto del brano eseguito e nel provocare l’esperienza corporea propria e altrui.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati
Questa è l’Outdoor Education

Un laboratorio di Pedagogia itinerante Il volume si chiede che cosa sia l’Outdoor Education e si connota

[wpv-woo-product-price]
Zeroseiup 3/2022

Sempre di meno e altre riflessioni Ferruccio Cremaschi Tra i recenti interventi in argomento, la fondazione CARIPLO dedica un quaderno a “La denatalità a Milano, Italia, Europa. Fatti, politiche, opzioni

Marine Schmoll, psicologa clinica in asili nido e membro dell’ANAPSY.p.e. (Associazione Nazionale degli Psicologi per la prima infanzia - Francia), osserva che i protocolli sanitari hanno modificato le regole della vita negli asili e in particolar modo quelle cui è sottoposto il gioco.

La domanda che si pone è la seguente: ne deriva una riduzione delle libertà dei bambini e degli adulti, genitori e educatori, che li circondano?


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Lavoro Aperto come opportunità di Cambiamento

Enea Nottoli Riflettere sul Lavoro Aperto ci aiuta a capire e a comprendere quali siano i passi


 

 

06UP-elementi-04-radice

Attualità

bambino 3 anni che gioca

Ma al Ministero dell’Istruzione i servizi 0-3 interessano?

In Italia abbiamo sappiamo che i processi educativi di qualità e accessibili a tutte e tutti sono un punto fondamentale nello sviluppo di bambini e bambine.

Continua a leggere...

Blog

L’educatore e gli interventi di assistenza educativa scolastica

Alessandra Bai

Il modo di leggere e interpretare la realtà, l’attitudine e l’atteggiamento con il quale si intessono le relazioni per le persone impegnate in educazione divengono aspetti ai quali dedicare attenzione, sulle quali riflettere e formarsi. Di fatto costituiscono l’impronta di un profilo professionale che voglia mettere in atto pratiche educative sostenibili e inclusive.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati
Continua a leggere...

Teramo: Il diritto alla natura dei bambini – Settembre 2022

L’obiettivo è quello di rinforzare competenze di insegnamento e pratiche educative e didattiche che permettano ai bambini di scoprire e esplorare davvero l’ambiente in cui viviamo, per poter comprendere fenomeni naturali quotidiani come la luce e le ombre, il sole, il cielo e i suoi astri.
Per sostenere questo tipo di apprendimenti è necessario, come adulti, sviluppare uno sguardo scientifico che si costruisce attraverso l’esperienza diretta, senso motoria, cognitiva ed emotiva al tempo stesso.

Continua a leggere...
Costo:
160,00 euro

Questa è l’Outdoor Education

Un laboratorio di Pedagogia itinerante

Il volume si chiede che cosa sia l’Outdoor Education e si connota come progetto/laboratorio di educazione diffusa, indoor e outdoor, interessato a valorizzare le potenzialità dello spazio naturale nelle scuole italiane, ad aprire le scuole fin dalla fascia 0-6 anni al presente – che è passato e futuro – scoprendo l’intreccio della vita quotidiana oltre la “soglia”: nelle “aule didattiche decentrate”, camminando fianco a fianco in percorsi intersoggettivi e intergenerazionali, preparandosi a essere impreparati, a riconoscere e a scoprire la complessità della vita e dell’essere del Pianeta, a fare sistema con differenti soggetti e istituzioni intenzionalmente formativi. Frutto dell’impegno congiunto di ricercatrici e ricercatori universitari, delle coordinatrici pedagogiche di importanti città italiane e di docenti/esperti impegnati sul campo, il volume affida a studenti e a giovani insegnanti, educatori, ricercatori, famiglie le finalità di un’educazione permanente che sappia creare contesti/setting educativi interessati a sollecitare e a nutrire curiosità, emozione per la scoperta, rispetto di se stessi e degli altri e a tessere – a livello micro, meso e macro – costruttive trame di futuro, ponti di fiducia, inclusione, sostenibilità fatti di esperienza e pensiero, di storia e storie che s’intrecciano.

Libertà è andare a scuola

Il lockdown ha determinato per la scuola e per i bambini condizioni mai sperimentate fino a quel momento: la sospensione della didattica e delle relazioni educative e sociali, decisive per lo sviluppo evolutivo, hanno già iniziato a mostrare i loro effetti di lungo periodo. Durante i molti mesi di emergenza sanitaria, nel vuoto istituzionale e nell’inadeguatezza della didattica a distanza, non tutte le scuole sono rimaste chiuse: in alcune città insegnanti e scuole hanno prodotto inediti modelli di lavoro durante l’emergenza.

Il volume, curato da Rachele Furfaro, ideatrice del modello e direttrice dei nidi e delle scuole DPDB (acronimo Dalla Parte Dei Bambini) e da Flavia Portanova, psicoterapeuta infantile e coordinatrice dei servizi 0-6 del network DPDB, raccoglie alcune esperienze educative condotte durante i lockdown e racconta come educatori, insegnanti e coordinatori sono riusciti a non interrompere, in condizioni così eccezionali, il legame con i bambini e le loro famiglie che consente alla scuola di non abdicare in nessun caso al suo fondamentale ruolo.

Il PNRR e i LEP per costruire il sistema educativo integrato

Non c’è dubbio che il sistema integrato dell’educazione e dell’istruzione abbia ultimamente registrato non solo importanti riflessioni e elaborazioni di ordine pedagogico e educativo (le Linee pedagogiche 0 6 e gli Orientamenti 0 3) ma anche provvedimenti economici finalizzati ad un rafforzamento nell’offerta complessiva dei servizi.

Il Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia ha riproposto nel corso di quest’anno il suo tradizionale convegno nazionale, inevitabilmente avendo a riferimento i fatti e i processi innescati anche dal lungo periodo pandemico. Non poteva mancare, nelle riflessioni proposte, un approfondimento sul PNRR e i LEP come strumenti necessari per progettare il futuro di una offerta educativa coerente con i diritti dei bambini e delle bambine.

Emergono così contributi e indicazioni in generale protese a richiamare la necessità di una politica capace di utilizzare le procedure tecniche nell’ambito di un ragionamento coerente con le dimensioni qualitative e plurime dei processi educativi.

EDITORIALE

Sempre di meno e altre riflessioni
Ferruccio Cremaschi

Tra i recenti interventi in argomento, la fondazione CARIPLO dedica un quaderno a “La denatalità a Milano, Italia, Europa. Fatti, politiche,opzioni sperimentali”.

Dopo un’analisi delle tendenze demografiche e delle cause, avanza alcune proposte di politica contrastativa del fenomeno.

 

...continua a leggere

06UP MAGAZINE N.3, 2022

Copertina della rivista Zero Sei Up. Colori arancioni. Bambini che corrono

L’INTERVISTA

Persone seduta in una sale per un convegno

La formazione in servizio

a cura di Ferruccio Cremaschi


Un elemento della qualità, un passaggio essenziale per la realizzazione del sistema.
Il decreto 65/2017 ha affidato al Ministero dell’Istruzione il ruolo di promotore delle iniziative di formazione. Con la nota del 22 gennaio sono state fornite le indicazioni per iniziative congiunte rivolte al personale del sistema zerosei. Responsabilità dei soggetti coinvolti e disponibilità materiali.

Continua a leggere...

RI-PENSARE AI BAMBINI

La continuità del percorso educativo 0/6

Sandra Benedetti

Nella relazione presentata al Convegno di Napoli del 21 maggio scorso “La sfida: costruire il sistema educativo integrato 0-6”, emergono i fondamenti teorici e normativi della continuità all’interno del sistema integrato.
La continuità è una delle componenti della qualità come viene sottolineato nei documenti europei e sviluppato successivamente nei documenti pedagogici italiani sullo zerosei.
Troviamo, nell’articolo, una guida attenta che individua i riferimenti presenti nei singoli documenti e li coniuga in una prospettiva di attualità anche secondo le indicazioni dell’ONU.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

 

Per una governance solidale: lo 0-6 come spazio di prossimità possibile*

Alcune riflessioni del gruppo di giovani studentesse-custodi del Convegno Nazionale del Gruppo Nidi e Infanzia.
Attraversare il sistema integrato per superare le povertà dentro e fuori di noi.


Riflessioni di Sara Andreani, Martina Battistella, Viviana Franco, Annalisa Gentili, Michela Lamincia, Alessia Macagno, Elisa Morini, Nicole Pellegrino. Il gruppo è coordinato da Moira Sannipoli della Segreteria del Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia.

Continua a leggere...

GOLDSCHMIED

Coltivare rapporti resilienti con le famiglie. Prima parte: il sentire delle educatrici.

Il particolare e difficile momento storico che stiamo vivendo, caratterizzato da eventi traumatici come la pandemia e la guerra, oltre a sollecitare riflessioni personali, chiama gli adulti e gli educatori all’ascolto e all’accoglienza sia dei bambini sia delle famiglie.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

CONTROCORRENTE

bambino 3 anni che gioca

Ma al Ministero dell’Istruzione i servizi 0-3 interessano?

In Italia abbiamo sappiamo che i processi educativi di qualità e accessibili a tutte e tutti sono un punto fondamentale nello sviluppo di bambini e bambine.

Continua a leggere...

PROFESSIONALITÀ

quattro foto di bambini che giocano all'aperto

Percorsi formativi tra nido e scuola dell’infanzia

La continuità educativa è l’opportunità di crescita, di socialità, di gioco e di apprendimento in contesti educativi inclusivi, sicuri e di qualità e l’azione sulle disuguaglianze e sulle povertà educative.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

bambine che giocano a scuola viste dall'alto

Il ruolo dei pari nello sviluppo del linguaggio in età prescolare

L’autrice, alla luce di recenti ricerche, mostra come la motivazione autentica alla comunicazione e le differenze e peculiarità del linguaggio utilizzato da ogni bambino rendono “le interazioni ludiche e conversazionali con i pari una risorsa importante per l’apprendimento del linguaggio in età prescolare”.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

Una mucca nella stalla con tre vitelli

L’alimentazione animale e l’ambiente

Una maggiore consapevolezza delle ricadute ambientali e sulla salute delle proprie scelte alimentari è possibile anche da parte dei più piccoli. Isabella D'Isola suggerisce le indicazioni metodologiche e presenta alcune storie grazie alle quali è possibile compiere tali riflessioni. 

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

bambini raccolgono fiori gialli in un campo

La documentazione pedagogica come pratica di cura

La documentazione riveste un ruolo nell’ascolto, e nella partecipazione dei bambini e delle famiglie all’interno dei contesti educativi.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

bimbo e mamma per mano di spalle

Prendimi per mano

Un gesto come quello di stringersi la mano racchiude una ricchezza di significati dei quali tenere conto nell’esperienza educativa.

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

IMMAGINI PAROLE LIBRI

Copertina libro Molly e Mae

 

Il viaggio dell’amicizia fra curve e rettilinei della relazione

Liti e conflitti fanno parte del percorso di crescita umana, affrontarli in modo civile e imboccare la via della riconciliazione è a volte arduo, non solo per i bambini e le bambine. I libri possono dare spunti di riflessione, offrire la possibilità di riconoscere una parte di se stessi nella

Continua a leggere...

 

DIDATTICA

bambina che soffia le bolle

Proprietà cognitive del sistema motorio

Il ruolo dell’esperienza motoria nello sviluppo è da tempo riconosciuto da psicologici e pedagogisti; tuttavia è stato messo in secondo piano, “soprattutto per quello che riguarda l’educazione scolare, a favore di apprendimenti basati sul ragionamento astratto e sull’uso del linguaggio per il trasferimento dei concetti. Pur non negando l’importanza dell’astrazione…...

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

“Tutti a bordo” una progettazione per bambini attivi nel territorio

Un modo concreto di attuare il principio che i bambini sono cittadini a tutti gli effetti e partecipano alla vita sociale

Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Continua a leggere...

KORCZAK

Disegno con profughi in fuga

Conflitti, guerre, l’assurdità adulta

Alcuni episodi significativi della vita di Korczak e suggerisce alcune pratiche educative volte a superare i conflitti tra i bambini.

Continua a leggere...

Non sei ancora abbonato a Zeroseiup???

Scopri le nostre proposte: abbonamento alla rivista, rivista + accesso agli articoli online, abbonamento online

clicca qui per maggiori informazioni

 

 

ZEROSEIUP online - registrazione Tribunale di Bergamo n. 16 03/06/2015 - ISSN 2499-8915

Direttore responsabile: Ferruccio Cremaschi

 

06UP-elementi-04-radice-corta