Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Lavoro aperto – Solved in practice

 420,00

Il lavoro aperto nella pratica quotidiana

26 gennaio – Meeting on line 10.00 – 12.30
Chi siamo? A cosa siamo interessati?
con Beatrice Vitali e supervisione di Roger Prott

9 febbraio – Meeting on line 10.00 – 12.30
Quali tratti distintivi per riconoscere il Lavoro Aperto? Esempi
con Beatrice Vitali

23 febbraio – Meeting a Bologna 10.00 – 17.00
Riflessioni per attivare cambiamenti nelle pratiche quotidiane
Suggestioni, proposte, indicazioni su come utilizzare i tratti distintivi del Lavoro Aperto.
Con Roger Prott e Lorenzo Campioni

24 marzo – Meeting on line 10.00 – 12.30
Condivisione di pratiche su focus decisi insieme
con Beatrice Vitali

27 aprile: – Meeting on line 10.00 – 12.30
Condivisione di pratiche su focus decisi insieme
con Beatrice Vitali

25 maggio – Meeting a Bologna 10.00 – 17.00
Incontro di valutazione
con Roger Prott

Gli incontri in presenza saranno presso Fondazione Gualandi a favore dei sordi via Nosadella 49, 40123 Bologna

Beatrice Vitali

Roger Prott

Descrizione

Una nuova proposta di R.I.L.A.: Lavoro aperto Solved in practice

con Roger Prott e Beatrice Vitali

Il “Lavoro aperto”, un metodo nato in Germania, ha una sempre più grande diffusione. Cosa significa “Lavoro Aperto”? Da dove viene? In che cosa consiste il vantaggio per i bambini e quali guadagni per gli adulti? Quali sono i primi passi? Cosa è importante avere presente per non arrendersi?

Sulle esperienze già avviate in Italia, R.I.L.A. propone una serie di incontri per confrontare i percorsi, valutare i risultati, analizzare le difficoltà.

R.I.L.A. (Rete Italiana Lavoro Aperto) è una rete all’interno della quale è possibile sperimentare, scambiare e approfondire le tematiche del Lavoro Aperto.

La ricerca della via italiana è un intrecciarsi di idee, opinioni ed esperienze che si inseriscono in contesti vari e ricchi di tradizioni e di storie personali e collettive.

Una rete in grado di includere e di accogliere chi affronta la strada del cambiamento con il bambino, la famiglia e il loro benessere al centro del pensiero costruttivo.

Aprire i propri servizi al Lavoro Aperto vuol dire aprire le proprie menti ad un modo nuovo di concepire il bambino, di vedere i suoi bisogni e le sue esigenze; vuol dire mettere realmente il bambino al centro di un progetto pedagogico, che preveda una serie di interventi mirati al benessere dello stesso e di coloro che gli ruotano intorno.

Uno degli elementi fondamentali su cui dobbiamo assolutamente riflettere è la contestualizzazione in cui andiamo ad operare, solo così facendo potremo individuare l’elemento o gli elementi da cui partire per la nostra “apertura”.

 

 

Gli incontri in presenza saranno presso Fondazione Gualandi a favore dei sordi via Nosadella 49, 40123 Bologna

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lavoro aperto – Solved in practice”

Approfondimenti: