Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Che cosa abbiamo fatto all’infanzia?

Peter Gray Ho avuto centinaia di insegnanti bravissimi, nel corso della mia vita, ma se dovessi indicare il più bravo direi Ruby Lou. La conobbi nell’estate dei miei cinque anni, quando lei ne aveva sei. La mia famiglia si era appena trasferita in una nuova città e, su consiglio di…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Dalla culla alla scuola

Roberto Volpi L’invenzione della scuola dell’infanzia Se la scuola è per così dire sempre esistita, la scuola prima della scuola è un’invenzione piuttosto recente che ufficialmente si colloca tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta. Abbiamo già svolto un’analisi del sorgere e dell’affermarsi di questa scuola…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

L’esperienza educativa e politica di Bruno Ciari

Franco Frabboni Anzitutto, due righe di premessa per precisare quale sia il mio punto di osservazione nel rileggere e nel riconsiderare la figura di Bruno Ciari. Non farò scorrere l’intera pellicola di Bruno teorico e educatore, il cospicuo patrimonio d’idee e di esperienze che consegna alla coscienza e alla pratica…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Lo sviluppo delle competenze infantili

Clotilde Pontecorvo La socializzazione va intesa come un processo reciproco: i bambini imparano stando con gli altri bambini e con gli adulti. Esiste un’influenza reciproca nell`apprendimento che va inteso come “apprendistato”, processo di partecipazione ad un ambiente culturale. I bambini all’inizio sono marginali, progressivamente diventano più attivi…. Questo contenuto è...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Il tempo nella quotidianità infantile

Anna Bondioli A scuola Il “tempo ” è un aspetto pregnante della crescita infantile di cui le istituzioni educative – asilo nido, scuola dell’infanzia, scuola elementare – tengono conto declinando le offerte formative secondo programmi e curricola calibrati in relazione all’età dei loro destinatari. Ma il tempo, inteso come modalità…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Pensare la professione

Ilaria Bosi 1. Le parole per dirsi La realtà non è soltanto vista. (…) È anche odorata, degustata, palpata la realtà, e la sua verità si afferma infine soltanto allorché si comprenda, diventi parte di noi, confluisca nel nostro nucleo più segreto, silenzioso, in attingibile, in noi stessi, là dove…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Per una corretta operatività nell’osservazione

Carlina Rinaldi É molto importante saper distinguere tra i diversi metodi educativi, ma soprattutto importante è l’invito a considerare il metodo osservativo un metodo e non il metodo, e soprattutto a usarlo con una certa conoscenza e consapevolezza delle sue potenzialità e dei suoi limiti. Credo anch’io che in questi…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Il diritto del bambino al rispetto

Janusz Korczak Esistono come due vite: una seria, rispettabile, l’altra tollerata con indulgenza, che vale meno. Diciamo: un futuro uomo, un futuro lavoratore, un futuro cittadino. Che saranno, che dopo cominceranno veramente, che faranno sul serio solo in futuro. Gli permettiamo con magnanimità di girarci tra i piedi, ma è…...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Infanzia

I bambini, le bambine si fanno molte domande. È molto difficile ricostruire questo periodo della vita. Sono domande che riguardano l’ipotetico, le varie possibilità, le relazioni di causa e effetto.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

8 Marzo – Donna, madre, maestra

Elena Gianini Belotti … mia madre, figlia di poverissimi contadini della val Seriana, in provincia di Bergamo, aveva studiato da maestra. Era nata nel 1890, primogenita di quattro figli, un fratello e due sorelle, che invece avevano frequentato solo la terza elementare e non le avevano mai perdonato quel privilegio…....


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati