Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Il fare e il sapere dei bambini: dalle attività ai campi di esperienza…

Il percorso tracciato da Diana Penso ripercorre quasi 50 anni di storia della scuola dell’infanzia.

Nel corso di questi decenni all’evoluzione del concetto di apprendimento hanno fatto seguito dei cambiamenti nei criteri della progettazione educativo – didattica.

Orientamenti per un curriculum 0-6

Nell’articolo Elio Raviolo delinea le linee fondamentali secondo le quali si dovrebbe apprestare il curricolo 0-6, un curricolo che nasca secondo un’idea negoziata e condivisa e all’interno del quale i traguardi relazionali e cognitivi si sviluppino simultaneamente. In tal modo è possibile non ridurre l’applicazione della Legge 107/2015 alla conferma dell’esistente, bensì realizzare la progressiva attuazione del sistema integrato.

Modelli pedagogici, progetto educativo e partecipazione nei servizi per l’infanzia: il ruolo (necessario) del confronto democratico

Donatella Savio, a partire da un’analisi delle differenti declinazioni assunte dalla partecipazione (degli educatori, dei genitori, degli stakeholders) nella definizione di un progetto educativo condiviso, richiama alla necessità di prendere in considerazione il punto di vista del bambino che deve entrare a pieno titolo nel dialogo e nel confronto tra le parti.

La documentazione educativa tra “mito” e “realtà”: problemi, riflessioni e proposte

Gino Ferri
Il tema della documentazione educativa è trattato sotto diversi aspetti tra i quali la sua funzione conoscitiva e comunicativa e il suo ruolo nodale nella costruzione di significato condiviso tra i partecipanti all’azione educativa. Non mancano riferimenti alla prassi educativa quotidiana ed esempi di alcuni strumenti operativi.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Un’aula insegnanti grande come … il web.

Buone pratiche e riflessioni per valorizzare il ruolo formativo dello scambio tra pari. Il dialogo che verte sulle esperienze, sulle opinioni e sui quesiti, è vissuto, dalla maggior parte dei professionisti dell’educazione, come un momento di piacevole condivisione e di utile scambio; purtroppo, talvolta, le condizioni di lavoro, i tempi