Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Può un virus cambiare la scuola?

 12,00

 

 

 

Questo libro è scritto in fretta, quasi in tempo reale, mentre i fatti succedevano. Racconta quello che è successo fra marzo e giugno 2020, quando il mondo si è fermato e un virus, in tempi rapidissimi, come mai prima di allora era accaduto, ha costretto tutti gli abitanti della Terra a chiudersi in casa, a sospendere il lavoro, a chiudere le scuole, provocando un numero impressionate di morti…

Francesco Tonucci

ISBN: 978-88-99338-91-6

Numero di pagine: 92

Allegati:

Richiesta copie saggio

Informazioni su come acquistare con Carta del Docente

Descrizione

 

Questo libro è scritto in fretta, quasi in tempo reale, mentre i fatti succedevano. Racconta quello che è successo fra marzo e giugno 2020, quando il mondo si è fermato e un virus, in tempi rapidissimi, come mai prima di allora era accaduto, ha costretto tutti gli abitanti della Terra a chiudersi in casa, a sospendere il lavoro, a chiudere le scuole, provocando un numero impressionate di morti. Racconta come i bambini hanno vissuto e sopportato questa situazione per loro difficile da comprendere e da accettare, e come il progetto “La città delle bambine e dei bambini”, abbia cercato di accompagnare prima la loro clausura forzata e poi di suggerire alle città e alla scuola proposte per una riapertura il più possibile adeguata alle nuove esigenze sanitarie, e specialmente alle aspettative della società e delle bambine e dei bambini rispetto alle proposte educative e formative. Presenta alcune esperienze di tre paesi della rete internazionale: Argentina, Italia e Spagna; alcune considerazioni finali e le vignette che in questo periodo ha disegnato Frato.

 

Indice

Avvertenza

Introduzione

Per una buona scuola in tempo di quarantena: La casa come laboratorio

Possiamo pensare ad un’altra scuola in tempo di crisi? I cinque punti per la riapertura

Esperienze

Riflessioni finali

L’opinione di Frato

Cronologia della quarantena

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Può un virus cambiare la scuola?”