Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Pensieri su cui pensare

 12,80

con un intervento di Claudio Strinati

In tutti i gradi scolastici, il piacere di apprendere cose nuove dovrebbe evitare l’opposizione tra il ruolo di studente e la persona con le sue esigenze e le sue capacità.

Nei nidi e nella scuola dell’infanzia c’è vita, si rispettano i bisogni delle bambine e dei bambini che dicono quello che pensano (sono riportate conversazioni che mettono in crisi Piaget), costruiscono, lavorano, fanno spettacoli.

Francesco De Bartolomeis

ISBN: 979-12-80549-09-9

Numero di pagine: 124

Allegati:

Richiesta copie saggio

Informazioni su come acquistare con Carta del Docente

Descrizione

con un intervento di Claudio Strinati

In tutti i gradi scolastici, il piacere di apprendere cose nuove dovrebbe evitare l’opposizione tra il ruolo di studente e la persona con le sue esigenze e le sue capacità.

Nei nidi e nella scuola dell’infanzia c’è vita, si rispettano i bisogni delle bambine e dei bambini che dicono quello che pensano (sono riportate conversazioni che mettono in crisi Piaget), costruiscono, lavorano, fanno spettacoli.

Dovrebbe continuare per tutto il corso degli studi il rispetto delle esigenze e degl’interessi. Le diverse aree disciplinari complicano il quadro formativo ma anche fanno avanzare nella cultura e nei metodi. L’A. dimostra che la metodologia dei laboratori è accessibile come la ricerca, interpreta molte esperienze, sgombera da pregiudizi l’educazione motoria e sessuale.

Tra i tanti problemi. È possibile riferire fatti personali senza cadere nell’autobiografia?

C’è sicura determinatezza nelle attitudini o le circostanze le possono mutare radicalmente?

Scrittura scorrevole e avvincente, sempre scientificamente rigorosa, problemi nella concretezza dei fatti, ricordi di cultura viva e attuale: questo e altro coinvolgono anche in emozioni personali.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pensieri su cui pensare”