Login
Registrati
[aps-social id="1"]

“Il rituale della candela”

Beatrice Serventi

Pedagogista


Il nido d’infanzia comunale Missaglia di Milano, gestito dalla Cooperativa Orsa, da qualche anno mette in atto pratiche di cura che aiutano i bambini nei momenti di passaggio quotidiano fra le varie routine.

Si tratta di veri e propri rituali, riconosciuti e aspettati dai piccoli, che sostengono l’autonomia dei bambini e il loro senso di sicurezza nel prepararsi alla fase successiva della giornata.

 

 

Intorno alle 12 e 45, dopo il cambio, in tutte e tre le sezioni, una educatrice accompagna i bambini al riposo pomeridiano, invitandoli ad entrare nella stanza della nanna e a sedersi in cerchio su un tappeto. Poi prende una piccola valigetta di metallo, la posiziona al centro del cerchio e quindi la apre per mostrarne il contenuto: un candelabro, i fiammiferi, una candela e uno strumento apposito per spegnerla. I bambini vengono invitati a fare silenzio attraverso i movimenti lenti e sicuri dell’educatrice che, con il suo atteggiamento “solenne”, sostiene il rispetto di quel momento prezioso di attenzione e raccoglimento.

Appena c’è silenzio, l’educatrice spegne la luce della stanza e successivamente accende un fiammifero, lo osserva e con lentezza accende la candela posta su un piccolo candelabro. Invita un bambino a spegnere con un soffio il fiammifero e un altro a buttare il fiammifero nel cestino.

 

 

Appena tutti sono nuovamente seduti in cerchio, le educatrici intonano sottovoce la famosa filastrocca:

“Stella Stellina, la notte si avvicina, la fiamma traballa la mucca è nella stalla, la mucca e il vitello, la pecora e l’agnello, la chioccia con i pulcini, la gatta con i gattini, ognuno ha la sua mamma e tutti fan la nanna.”

Al termine del canto, l’educatrice consegna lo spegnitoio ad un terzo bambino che, coprendo la fiamma con lo strumento, spegne la candela. Piccoli gesti che vengono imparati a turno da tutti i bambini e che li rendono protagonisti della magia del momento. L’educatrice ripone ogni singolo oggetto nella valigetta e invita i bambini ad andare a coricarsi, ognuno sul proprio lettino.

 

 

Un ambiente tranquillo ora accompagna i piccoli a rilassarsi, con ancora vivo il ricordo della fiamma e della sua luce, del fumo quando la candela viene spenta, della cera che si scioglie, della canzoncina cantata in coro anche dai più grandi, dello stare insieme nella magia e nello stupore di un momento che unisce e scalda i cuori.

 

Lascia un commento