Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Come si migliora la pratica pedagogica?

Jan Peeters rivisita il proprio percorso professionale interrogandosi con metodo su “che cosa fa la differenza” tra una buona e una scarsa qualità della pratica pedagogica, giunge alla documentata conclusione che i servizi per la prima infanzia necessitano di un maggior numero di “eroi pedagogici” che a loro volta hanno bisogno di un sostegno da parte di tutti i livelli di un sistema competente che sviluppi la sua vitalità attraverso le Comunità Professionali di Apprendimento


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

La terra, tra indoor e outdoor, per un’educazione ecologica

I bambini amano giocare con la terra, fin da piccolissimi appena possono la toccano, l’afferrano, scavano, fanno mucchi, entrano con le mani dentro a questo materiale eterogeneo dalle consistenze così varie, che invitano al gioco delle manipolazioni, delle sperimentazioni e delle trasformazioni, come quando scoprono che bagnando la terra con l’acqua si forma il fango e iniziano a immergerci le mani e saltarci dentro coi piedi

Linee pedagogiche per il sistema integrato

Il Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia, in occasione della consultazione lanciata dal M.I.U.R. sulle Linee pedagogiche presentate il 31 marzo dalla Commissione Nazionale organizza, attraverso i propri Gruppi Territoriali, una serie di incontri di discussione e approfondimento.

Registrazioni degli incontri, i materiali presentati in diretta, approfondimenti e interviste.

Realizzare il sistema integrato zerosei: Quali i compiti del coordinatore pedagogico?

  Sabato 8 maggio dalle ore 9,30 alle 12,00   Introduzione di Lorenzo Campioni, pedagogista, componente del Consiglio direttivo del GNNI Tavola rotonda con presentazione di esperienze Coordina Maria Antonietta Nunnari, pedagogista, formatrice, componente della Segreteria nazionale del GNNI Intervengono: Nadia Corsi, coordinatrice pedagogica comunale, Roma Valentina Ghelardi, insegnante di

Sistema integrato: qualcosa si muove

Dopo diverse vicissitudine legate al cambio dei Ministri competenti negli ultimi anni, la Commissione nazionale per il Sistema integrato di educazione e di istruzione, istituita ai sensi dell’articolo 10 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, ha approvato le Linee pedagogiche per il sistema integrato “zerosei”.

Incominciamo da parte nostra una riflessione chiedendo ad autorevoli protagonisti della politica educativa, dell’amministrazione e della vita delle istituzioni di intervenire su diverse questioni aperte dal documento.

Apriamo il nostro percorso interpellando la dottoressa Maria Rosa Silvestro dirigente tecnico del Ministero dell’istruzione in servizio presso la d.g. per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione.

Giorno dopo giorno

Presentiamo le immagini che Claus Jensen (di Aarhus, Danimarca) aveva predisposto per il webinar del 13 aprile 2021 all’interno del percorso “Incontri europei – Danimarca  Il “fuori” naturale come aula non convenzionale”.     Per motivi tecnici le foto non sono state proiettate nell’occasione: Claus ha voluto comunque metterle a

Dopo le bolle
oltre le bolle

Ferruccio Cremaschi

Si tratta di riprendere a “essere” scuola e di ritrovare nella normalità elementi di qualità

Si sta intensificando la riflessione su che cosa è successo nelle scuole e nella pratica educativa in questi mesi di emergenza. Superato lo stress del dover dare risposte a una situazione mai sperimentata, emergono alcune piste che possono portare a definire alcuni punti fermi per la ripresa.