Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Libri fai da te: tra natura, ricerca e documentazione

29/06 2024 9,00-14,00

I libri, i libri fatti a mano, con la carta e le carte, e le pieghe. Come alleati, di ricerche, incontri e documentazione. Come è possibile integrare l’ “oggetto” libro nella progettazione quotidiana delle nostre giornate? Come un libro fatto a mano può sostenere la ricerca e nutrire le domande del bambino? Come questo stesso libro può diventare compagno di viaggio e diario di bordo di felici traguardi e intense narrazioni? Fare insieme per capire e condividere un’esperienza. Strizzando l’occhio alla maestria di Bruno Munari.

Concerto per alberi: musica e natura, linguaggi dell’essere

6 Luglio 2024

Al centro della formazione “Concerto per alberi” il silent book di Laëtitia Devernay che ha vinto il prestigioso CJ Picture Book Award e ha ricevuto la menzione speciale al Bologna Ragazzi Award 2011.

Dire di sì alla Natura è oggi fondamentale.
Riconnettersi con la Natura è una via di guarigione.
Primariamente per il benessere psico-fisico e poi per il benessere della vita umana su questo pianeta.

Col carpino che mi prendi!

Giochi e percorsi con l’albero amico dei bambini
Maela Canu

Negli articoli scorsi abbiamo spiegato cos’è la Forest Therapy e perché si chiama così. Ci siamo detti che la nostra salute e quella dei boschi crescono assieme e che quindi bisogna rispettarli e proteggerli: foreste in salute permettono all’uomo di vivere meglio, di adottare uno stile di vita più sostenibile, e di puntare su strategie agricole e di allevamento che hanno minore impatto. Insegnare ai bambini, quindi, a stare nei boschi, a conoscerli, a conoscere le piante e le loro proprietà fa parte di un sano percorso di crescita dei bambini. Abbiamo provato a ipotizzare percorsi nei boschi per loro e ora cercheremo di capire come possiamo usare le proprietà di un albero magico per i bambini e le bambine: il Carpino!


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

“Staffette” tra nido e famiglia

Beatrice Serventi
La storia di “Bruco Bruco”
Tutto ha inizio quando un piccolo gruppo di “esploratori” trova in giardino un bruco tra le foglie e decide di adottarlo, chiamandolo “Bruco Bruco”…

L’orto sinergico

Beatrice Serventi
A Riccò del Golfo, un piccolo Comune dell’entroterra ligure spezzino, si trova un complesso scolastico, circondato da un ampio terreno, che accoglie bambini dall’età del nido a quella della scuola primaria.

L’insegnante che vorrei – Concorso di racconti brevi ETN 2024

  La Facoltà di Scienze della Formazione, Libera Università di Bolzano, nell’ambito del 9° Convegno Internazionale Educazione Territori Natura, indice per l’anno 2024, in collaborazione con ZeroSeiUp, la settima edizione del Concorso di racconti brevi “L’insegnante che vorrei”, riservato a bambine e bambini della scuola dell’infanzia, a studenti e classi

Sulle tracce della meraviglia

Stefano Piana
Dalle Classi delle Montagne alla Scuola della Meraviglia. Storia e cronistoria (brevi) ma soprattutto senso di un progetto educativo didattico nel primo ciclo di istruzione


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Chi siamo e come sono nati gli orti urbani

Daniela Pandolfo
Connessioni e Legami, è questo che si crea partecipando ad un incontro di “Seminiamo Storie”: connessione con la natura e legami tra genitori e figli, grazie agli orti urbani e alla lettura

Il diritto alla natura dei bambini

Federica Di Giosia, Daniela Viroglio, Monica Chiara Onida, Simona Olivieri
I nuovi paradigmi educativi incentrati sull’ambiente naturale e sulla partecipazione attiva del soggetto al processo educativo conquistano la scena e il modo di “fare scuola”, dentro e fuori. Nel contributo sono illustrate diverse attività formative per i docenti, gli educatori, gli studenti e i genitori, con l’obiettivo di ri-connettere l’adulto alla natura, rinforzare le competenze di insegnamento e le sane pratiche educative che permettano, alle bambine e ai bambini con cui interagiamo, di scoprire ed esplorare davvero l’ambiente in cui viviamo.